Pessoa e il linguaggio del tedio

9788807880438_0_0_300_75

Editore: Feltrinelli;
Pagine: 279.,Brossura.

L’uomo che guarda, l’uomo che scruta e va oltre gli altri, oltre se stesso, cercando di capire la sua anima, tormentata da domande, sogni e una sorta di insonnia esistenziale.

L’uomo abitudinario, normale, che si nasconde nella massa e non vuole essere notato ma visto come normale più che  una sorta di outsider, perché ne soffrirebbe. Porta questa croce dell’intelligenza, della coscienza e dell’anima in subbuglio che non si acquieta, nemmeno nelle dolci notti di sonno.

Questo è Bernardo Soares, un uomo come me e te, con un macrocosmo interno invisibile agli occhi altrui ma che riversa nelle sue pagine silenziose, nella sua piccola stanza al quarto piano di Rua de Duadores e nei suoi libri contabili.

Ha un cuore “esaltato e triste”, si indentifica negli altri e nel loro “futuro nel passato”: siamo tutti costretti a vivere dietro una finestra, a osservare il mondo scorrerci davanti, rinchiusi in noi stessi. Vive in un tedio costante, in un caos indefinito che è ormai entrato a far parte del suo essere, un sogno continuo, variegato ed eccentrico

Per quanto riguarda il tedio? Cos’é?

Nessuno ha ancora definito, con linguaggio attraverso il quale lo potesse capire chi non lo ha provato, che cosa sia il tedio. Ciò che alcuni chiamano tedio non è altro che la noia; per altri non è altro che il malessere; ci sono altri, infine, che chiamano tedio la stanchezza. Ma il tedio, sebbene partecipi della stanchezza e del malessere e della noia, partecipa di essi come l’acqua partecipa dell’idrogeno e dell’ossigeno, dei quali si compone e i quali include, senza che ad essi assomigli. Il tedio è, piuttosto, la noia del mondo, il male di vivere, la stanchezza di aver vissuto; il tedio è, veramente, la sensazione carnale della vacuità prolissa delle cose. Ma il tedio è, più che questo, la noia di altri mondi, che esistano o meno; il male di dover vivere, sebbene “altro”, sebbene in altro modo, sebbene in altro mondo; la stanchezza non solo dell’ieri e dell’oggi, ma anche del domani, dell’eternità, se essa esiste, del nulla, se esso è l’eternità.

II tedio è la sensazione fisica del caos, che il caos sia tutto. Colui che è stanco, che ha malessere, che è annoiato, si sente prigioniero in un’angusta cella. Colui che è disgustato dalla strettezza della vita si sente ammanettato in una grande cella. Ma colui che ha tedio si sente prigioniero in libertà in una cella infinita. Sopra colui che si annoia o ha malessere, o è affaticato, possono crollare i muri della cella e sotterrarlo. A colui che si affligge della piccolezza del mondo possono cadere le manette, ed egli può fuggire; o addolorandosi senza potersele togliere, egli, sentendo il dolore, può riviversi senza pena. Ma i muri della cella infinita non possono sotterrarci, perché non esistono; ne può provarci che siamo vivi il dolore di manette che nessuno ci ha messo ai polsi…

(pag. 143)

Questo è quello che prova Soares di fronte alla bellezza “placida” di una sera che “imprescindibilmente muore”. Questo è quello che prova nella ripetitività delle sue giornate: egli non si sposta mai se non dal suo quarto piano all’ufficio in cui lavora; frequenta sempre gli stessi luoghi e si lega con distacco alla stessa gente, allo stesso garzone e allo stesso proprietario di una locanda.

Egli vive in un sogno, mai convinto di esser sveglio e di trovarsi in una confusione esistenziale, nel dubbio estremo della propria esistenza.

Sono quasi convinto di non essere mai sveglio. Non so se sogno quando vivo, se non vivo quando sogno, o se il sogno e la vita formano in me un ibrido, un’intersezione dalla quale il mio essere cosciente prende fisionomia per interpretazione.

[…]Non so se esisto, sento che è possibile che io sia un sogno di qualcun altro, immagino quasi carnalmente che potrei essere il personaggio di una novella che si muove fra le lunghe onde di uno stile, nella compiuta verità narrativa.

[…] Se penso, tutto mi sembra assurdo; se sento, tutto mi sembra strano; se voglio, è qualcosa in me ciò che vuole. Ogni volta che in me c’è azione, mi accorgo che non sono stato io. Se sogno, mi sembra di essere scritto. Se voglio, mi sembra di essere collocato in un veicolo come mercanzia da spedire, e di andare con un movimento che credo mio, verso dove non ho voluto andare se non dopo esserci stato.

(pag. 153)

Stile

La sua staticità dinamica, mista alle parole ipnotica, rende il romanzo capace di scavare a fondo nell’animo umano, di far riflettere colui che legge e di farlo immedesimare in una coscienza diversa, rappresentazione di una società europea in subbuglio. Proprio in quegli anni scoppia la guerra civile spagnola e l’Europa sta già assistendo all’instaurazione di un regime dittatoriale e allo sconvolgimento dei ruoli e delle nazioni. Egli infatti analizza l’essere umano, il suo comportamento, come questo sia “incosciente come un cane e un gatto”, che “parla per un’inconsapevolezza di un altro tipo; si organizza in società per un’inconsapevolezza di un altro tipo, assolutamente inferiore all’ordine sociale delle formiche e delle api.” (pag.260)

Deus est anima brutorum. Dio è l’anima dei bruti” aggiunge in seguito.

Questo è uno dei miei libri preferiti, sia per tema che per stile, in quanto Pessoa, nella stesura della vita del suo eteronimo, usa uno stile complesso e altisonante, ma allo stesso tempo semplice, capace di portarmi in luoghi inesplorati e di farmi considerare certi aspetti dell’anima umana che non avevo mai considerato. Lo consiglio veramente a tutti, soprattutto agli amanti dell’esistenzialismo.

-Stefania

Advertisements

Old ruins

Photo took in Sicily, Italy

Follow me for more on EyeEm or Instagram (_starrynight24_)

Stefania

Sunflowers

“A great fire burns within me, but no one stops to warm themselves at it, and passers-by only see a wisp of smoke” -Vincent Van Gogh

Hi, my fellow readers! I’m sorry, I haven’t been really active later but I’m busy with school and other assignments. Whatever, I’ve been also struggling with finding inspirations for my posts. Any suggestion? Feel free to tell me, your opinions matter.

I took these photos so if you want to save them, just tell me 🙂

I love sunflowers and photography is my passion so I wanted to share with you all. You can find me on Instagram, EyeEm and some of my photos are on Getty Images.

Have a fun Sunday!

-Stefania

Quotes

“Do you remember when we learned how to fly?

We’d play make-believe; we were young and had time on our side.

You’re stuck on the ground,

Got lost, can’t be found.

Just remember that you’re still alive.

I’ll carry you home.

No, you’re not alone.

Keep marching on,

This is worth fighting for,

You know we’ve all got battle scars.”

-Battle scars, Paradise fears