Libri consigliati: nuove letture che potrebbero farti innamorare

Ho amato ciascuno di questi libri e mi sono sentita in dovere di condividerli con voi!

Iniziamo con..

La grande storia del tempo, Stephen Hawking

60b71c39-1173-42ed-8f89-509298ba949d

 

“Che cosa sappiamo realmente dell’universo? Qual è la sua natura? Da dove è venuto e dove sta andando? Le nostre conoscenze sono fondate? E su cosa si basano? Stephen Hawking torna a occuparsi dei misteri de cosmo, e lo fa senza rinunciare al suo stile diretto e comunicativo. Aggiornandoci sulle recenti scoperte sia sul piano teorico che su quello delle osservazioni empiriche, Hawking descrive gli ultimi progressi compiuti nella ricerca di una teoria unificata di tutte le forze della fisica: la teoria delle ”superstringhe”  e le ”dualità” tra modelli apparentemente diversi; i tunnel spazio temporali e l’affascinante questione dei viaggi nel tempo.”

 

 Cose di Cosa nostra, Giovanni Falcone698e695a-9c93-4dd0-a863-390a4465ecdf

 

Giovanni Falcone racconta la società siciliana e ne esalta tutte le caratteristiche che rimangono celate agli occhi dei siciliani stessi. Ne evidenzia il silenzio, la collaborazione, l’idea dell’onore  e tratta di tutti i casi che ha analizzato nella sua carriera, collaborando con i cosiddetti  ”pentiti” e venendo per primo a contatto con i loschi traffici mafiosi.

Ve lo consiglio, soprattutto se siete degli appassionati di storia o volete sapere di più sui meccanismi nascosti della mafia.

 

Antigone, Edipo Re ed Edipo a Colono, Sofocle

b516a3d0-5355-4b9d-baef-10172c60de2b

Per gli appassionati di lettura greca, consiglio le tragedie di Sofocle, ricche di emozioni e di colpi di scena.

Composte nella seconda metà del V secolo a.C., le tragedie del ciclo di Edipo mettono in scena una delle più dolenti rappresentazioni del destino umano. Edipo è il simbolo universale dell’eterno dissidio e necessità, della colpa e del fato. È riuscito a conquistare il potere grazie alla sua intelligenza ma, per volere degli Dei, lo perde a causa di una grande scoperta, che gli arrecherà un grande dolore e lo costringerà ad allontanarsi da tutto e da tutti.

“Non dire felice uomo mortale, prima che abbia varcato il termine della vita senza aver patito dolore.”

 

Quiet, Susan Cain

15e35ce1-2974-4848-8d71-b355109688c2

“Il mondo è pieno di introversi: li vediamo, anche se non li sentiamo. A volte ci disturbano, con la loro reticenza. Altre volte ci affaticano, perché cedono sempre il passo a noi. Altre volte ancora li apprezziamo, perché sembrano innocui. Sono almeno un terzo delle persone che conosciamo: sono quelli che preferiscono ascoltare, invece che parlare; che preferiscono leggere invece che fare vita sociale; quelli che creano e inventano, ma che non ostentano la loro opinione. A molti di loro dobbiamo alcuni dei più grandi progressi dell’umanità: dalla teoria della gravità all’invenzione del computer, da Harry Potter a Google. Ma come trovano spazio gli introversi in una società che sembra solo premiare le personalità estroverse, competitive ed egocentriche? Susan Cain accende un riflettore sugli introversi che sono fra di noi, spiegandone la forza e il ruolo nella nostra società.”

 

Buona lettura!

-Stefania

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s